SELEZIONA LINGUA: ITA

CALENDARIO

01| LEONARDO BLANCO


Leonardo Blanco (1968), sammarinese, nato a Santarcangelo di Romagna. Artista multiforme, è autore di quadri, sculture e installazioni presentate anche in ambito internazionale.

Ha tenuto diverse esposizioni personali a San Marino, in Italia e in Belgio, e partecipato a esposizioni collettive a Londra, Los Angeles, Istanbul, Emirati Arabi Uniti, Pechino (2ª Biennale d’Arte, nel 2005), e Venezia (nel 2007 Open 10 - Esposizione Internazionale di Sculture e Installazioni, e nel 2009 la 53ª Biennale d’Arte).

È vincitore di numerosi premi e concorsi. Le sue opere sono conservate presso collezioni pubbliche e private; alcune si trovano in mostra permanente nella Repubblica di San Marino e all’estero (sede del Consiglio d’Europa a Strasburgo e nella Basilica dell’Annunciazione a Nazareth)

02| TIMELESS


Dedicare il mio lavoro pittorico alla realizzazione di un calendario ha rappresentato per me l’occasione di ampliare la mia riflessione sul concetto di tempo e sulle sue declinazioni. In questo processo creativo l’Opera si è trasformata, senza mai negarsi, lungo una linea temporale di continuità fra passato, presente e futuro.

Il risultato è un’unica Opera pittorica che in sé contiene tutte le precedenti, delle quali l’unica traccia conservata è quella video-fotografica; opere non perse, ma lasciate mutare, che si ripresentano in un tempo nuovo. L’intento è stato quello di estrapolare dodici immagini (una per mese), che potessero ben rappresentare una successione cronologica e mostrare le trasformazioni più significative del quadro durante il suo divenire.

Intervenire, dunque, in un contesto legato al tempo, ci obbliga a confrontarci con la sua misurazione; tempo attesa-futuro e tempo memoria-passato. Fino al XII secolo abbiamo da una parte, l’immutabilità della Chiesa – riflesso di eternità divina – e dall’altra, nella sfera profana i ci-cli ripetitivi delle opere, dei giorni e delle stagioni. L’anno e la giornata sono strutturati dalla liturgia, la storia è scandita dai miracoli. Ma a partire dal XII, fra il tempo e l’eternità si inserisce un terzo campo che è quello della scrittura in cui le opere durano e si produce una crescita del sapere.

Giungono le innovazioni, la bussola, la stampa, la scoperta del Nuovo Mondo, il telescopio, che introducono cambiamenti irreversibili. Il tempo diventa progettuale, è questo il tempo delle banche, finanziatrici di progetti che conferiscono all’avvenire un’importanza crescente. Parallelamente, la diffusione dell’orologio dissocia l’organizzazione della giornata dalla liturgia e la suddivide in ore, così compare, si afferma ed estende la propria influenza un tempo che differisce dalle ripetizioni cicliche. Il tempo diventa lineare, misurabile e irreversibile.

A questo tempo misurato, però si è sempre contrapposto nell’esperienza quotidiana il tempo della durata interiore, che per me ha a che fare più con il tempo dell’anima e della creazione artistica. È  il tempo della ricerca sui materiali, quello veloce e febbrile dell’azione, con le mani piene di colore intente ad accostare campiture piene e geometriche, a zone più acquose e trasparenti. È il tempo dedicato alle sovrapposizioni di materia, ai segni, al libero arbitrio e alla casualità, ma è anche il tempo sospeso, giusto per ascoltare il silenzio e aspettare.

Da questi pensieri dedicati alla percezione del tempo, alla circolarità delle stagioni, alle stratificazioni e alle attese legate alle mie modalità lavorative, nasce il progetto Timeless che si rifà alla definizione di tempo misurabile (chronos), espressa da Platone: immagine mobile dell’eternità. Una scansione, una declinazione ritmata della durata, una sorta di restituzione per istantanee del continuum di una trama filmica. L’Opera incarna proprio questa visione: 12 frammenti che, visti in sequenza, contribuiscono a restituire un’idea del tempo che passa, in una progressione che potrebbe perpetrarsi all’infinito.

Vai in filiale per ritirare il tuo calendario

CAMBIATE
PROSPETTIVA.
Direzione Generale
Via Monaldo da Falciano, 3
47891 Rovereta (RSM)
Tel: (+378) 0549 940900
Fax: (+378) 0549 940980
E-mail: management@bsi.sm
Filiale di Rovereta
Via Monaldo da Falciano, 3
47891 Rovereta (RSM)
Tel: (+378) 0549 940961
Fax: (+378) 0549 940981
E-mail: filiale.rovereta@bsi.sm
Filiale di Dogana
Via III Settembre, 89
47891 Dogana (RSM)
Tel: (+378) 0549 940963
Fax: (+378) 0549 940982
E-mail: filiale.dogana@bsi.sm
Filiale di Borgo Maggiore
Via 28 Luglio, 99
47893 Borgo Maggiore (RSM)
Tel: (+378) 0549 940965
Fax: (+378) 0549 940983
E-mail: filiale.borgomaggiore@bsi.sm
Filiale di Città
Via Gino Giacomini, 150
47890 San Marino (RSM)
Tel: (+378) 0549 940967
Fax: (+378) 0549 940984
E-mail: filiale.citta@bsi.sm
Filiale di Gualdicciolo
Via Fabrizio da Montebello, 5
47892 Gualdicciolo (RSM)
Tel: (+378) 0549 940969
Fax: (+378) 0549 940985
E-mail: filiale.gualdicciolo@bsi.sm
Filiale di Fiorentino
Via Del Passetto, 34
47897 Fiorentino (RSM)
Tel 0549 940971
Fax 0549 940986
E-mail: filiale.fiorentino@bsi.sm
Credits TITANKA! Spa © 2017